IMU, differito di un mese il termine per la prima rata

Notizia del 10.06.2020

Il Comune di Mirano differisce di un mese il termine per il pagamento della rata di acconto IMU per il 2020, spostandolo dal 16 giugno al 16 luglio. Il provvedimento riguarda tutti i contribuenti di Mirano ed è limitato alla sola quota comunale dell’imposta (l’unica su cui il Comune ha potere di intervenire). Rimane quindi esclusa dal differimento la quota IMU avente riserva statale relativa agli immobili a uso produttivo classificati nel gruppo catastale D (ai sensi dell’art. 1, comma 753, della L. 160/2019).

Lunedì 8 giugno, vista la situazione di emergenza in atto, il Ministero dell’Economia e delle Finanze aveva emanato la risoluzione n. 5/DF, con cui introduceva la possibilità del differimento dei termini di versamento dei tributi locali. Subito l’Amministrazione comunale di Mirano ha deciso di tradurre l’orientamento ministeriale in una concreta forma di sostegno per i cittadini e la famiglie miranesi, così martedì 9 la Giunta comunale ha deliberato il differimento dell’acconto IMU. La decisione nasce dalla consapevolezza che molti cittadini e molte attività economiche, a seguito della crisi economica generatasi dal periodo di lockdown, stanno vivendo un difficile momento di crisi e che i numerosi provvedimenti governativi che puntano a rilanciare l’economia del Paese interessano solo marginalmente la fiscalità locale, operando sospensioni dei versamenti dovuti per accertamenti definitivi, ingiunzioni, cartelle di pagamento e rateizzazioni, senza incidere sulle scadenze dei tributi comunali. Il provvedimento dell’Amministrazione vuole dunque essere un sostegno a tutti i cittadini miranesi, in particolare a quelli più colpiti dai negativi esiti economici della quarantena.